Mutuo - Tasso Fisso - Tasso Variabile - Mutuo FondiarioMutuo - Tasso Fisso - Tasso Variabile - Mutuo Fondiario

username :
password :

entra
home | articoli | speciali | agenda | finanziamenti | brevi | sezioni | tutti gli articoli | archivio | map | links
finanziamentieprestiti.com - la tua guida ai finanziamenti online (per dipendenti,protestati,prestiti imprese)
sito aggiornato al: lunedì 15 luglio 2013
cerca nel sito
aggiungi ai preferiti | iscriviti alla newsletter
Home > articoli > Mutuo Fondiario - Mutuo Casa - Consigli Mutuo
finanziamenti
articoli

Mutuo Fondiario - Mutuo Casa - Consigli Mutuo

Accendere un mutuo fondiario

Accendere un mutuo fondiario : il consiglio

Le informazioni fornite sui mutui fondiari dal presidente dell’Abi, Maurizio Sella, nella relazione annuale, sono preziose: “Le condizioni molto favorevoli del mercato spingono le famiglie italiane a preferire contratti a tasso variabile: i 4/5 di quelli in essere. Questa quota è ancora più elevata per i nuovi flussi, il 90 per cento dei quali è stato acceso ad un tasso indicizzato a parametri di mercato monetario. Attualmente, il tasso annuo effettivo globale è pari al 3,82 per cento a fronte del 3,95 nell’area euro. Va da sé che ai vantaggi derivanti dal pagamento di rate di importo contenuto si contrappongono i rischi connessi alla possibile futura risalita dei tassi; di ciò le nostre banche rendono consapevoli i mutuatari”. Due le informazioni: 1) Almeno l’82 - 85 per cento dei mutui in essere è a tasso variabile, la cui entità della rata è cioè soggetta all’andamento di mercato del parametro sottostante (in genere l’euribor). 2) Le banche hanno avvisato del fatto che se i tassi si muovono nel senso di una crescita, i mutuatari con contratti a tasso variabile dovranno sopportare rate crescenti. Oggi, il tasso di riferimento della Banca Centrale Europea è al 2 per cento. I tassi medi rilevati da Bankitalia nel primo trimestre dell’anno sono pari al 3,86 per cento, per i mutui a tasso variabile, e del 5,16 per cento per i mutui a tasso fisso. Gli analisti finanziari ipotizzano tassi in crescita nel lungo periodo. In queste condizioni, una banca che promuovesse mutui a tasso fisso, sarebbe - secondo i parametri operativi correnti - da interdire. Ed infatti, il sistema conta oltre l’ 80 per cento di mutui con contratto a tasso variabile. Ma le banche avvertono: “Va da sé - sostiene il presidente dell’Abi - che ai vantaggi derivanti dal pagamento di rate di importo contenuto si contrappongono i rischi....”[vedi sopra]. Nulla da eccepire ? No, se non fosse per quella qualifica che Sella dà delle rate di un mutuo a tasso variabile: “rate di importo contenuto”. Facciamo due calcoli. Un mutuo di 100.000 euro, a 15 anni, con tasso variabile (3,86 %) comporta una rata mensile pari a 732 euro. Un mutuo di pari importo e durata, a tasso fisso (5,16 %) determina una rata di 799 euro ( 67 euro in più del precedente). E’ commovente sostenere - come fa Sella - che una rata di 732 euro (tasso variabile) è talmente “contenuta” rispetto a quella di 799 (a tasso fisso) da far trascurare al cliente il rischio di un aumento dei tassi a medio lungo termine. Alle corte: il bancario chiede: “Con questo tipo di mutuo pagherà una rata mensile di 732, e volendo possiamo farlo anche a 25 anni, con rata ulteriormente ridotta; con l’alto, pagherà una rata di 799 euro, e la durata non va oltre i 15 anni. Quale sceglie?“. Voi che cosa scegliereste?

Raccomandazione: invitiamo i futuri mutuatari a stipulare, alle condizioni attuali e con le attuali tendenze, mutui a tasso fisso. Ci auguriamo che i tassi di mercato non si muovano verso l’alto, perché metterebbero in difficoltà i titolari di mutui a tasso variabile. In ogno caso, Sella mette le mani avanti: le banche avevano informato e fin dal 2005 Di Mauro Novelli - 14.7.2005

Fonte : www.adusbef.it


Nella stessa sezione

Finanziamenti per l’arredamento
Pare addirittura che siano aumentati del 14% rispetto al 2006 e gli importi ammontano a 10.000 euro e piu’, aumentando del 6% sempre rispetto al 2006. Ma questo trend di (...)
Ostuni - finanziamenti Por
L’Amministrazione comunale di Ostuni, approfittando della possibilità di partecipare all’ultimo bando regionale dei POR, ha candidato dieci proposte. Alcune di (...)
Finanziamento per la ristrutturazione
Solitamente si è portati a pensare che Mutui e Finanziamenti vengono rilasciati unicamente per poter far fronte a spese relative all’acquisto di un immobile, anche se in (...)
350 euro per passare al metano o al (...)
Sono circa quarantamila gli automobilisti che potranno usufruire del contributo di 350 euro stanziato dal Ministero dell’Ambiente per la conversione della propria auto (...)

Bonus acquisto pc-Cessione del quinto -Tfr-innovazione di processo-Bioinformatica e informatica medica - Mutuo Casa-Contributi regionali-Contributi Sportivi-Pannelli solari -Internazionalizzazione imprese-Contributi agricoltura Basilicata-Finanziamenti edilizia sociale-Contributi manifestazioni fieristiche-Contributi agricoltura Sicilia-Impianti fotovoltaici casalinghi-Contributo conversione auto gas metano GPL-Finanziamenti giovani coppie-Imprenditorialità femminile-Finanziamenti al no-profit-Incentivi per la ricerca -Smaltimento amianto-Buoni fruttiferi postali-Imprese agricole bio-finanziamenti alle famiglie-Finanziamenti cinema-Social Lending

finanziamenti

home | pubblicità | privacy policy | contatti

finanziamenti